to top

Un’altra importante applicazione della terapia genica

Abbiamo letto negli ultimi giorni con grande piacere del successo, su un bambino di quattro anni affetto da leucemia, dell’immunoterapia basata sull’approccio detto “CarT”, acronimo di “chimeric antigen receptor T cell”. In breve, si tratta dell’applicazione di un protocollo di terapia genica ex vivo tramite il quale i linfociti del paziente sono ingegnerizzati in laboratorio e poi reinfusi dopo essere stati potenziati e resi capaci di riconoscere e attaccare meglio le cellule tumorali. Sempre di questi giorni è la pubblicazione sulla prestigiosa rivista New England Journal of Medicine dei risultati molto promettenti ottenuti nel corso degli ultimi due anni dal primo farmaco approvato, Kymriah, basato su questa tecnica: lo studio ha coinvolto 75 pazienti pediatrici trattati presso 25 centri clinici nel mondo,...

Continue reading