to top

Dovete considerare questo come un luogo in cui cresce il Paese Il messaggio del Presidente Renzi ai ricercatori del Tigem di Pozzuoli

“Un nuovo fervore di opere percorre tutta la penisola, e una nuova concreta speranza di rinnovamento e di benessere si apre per tutti gli italiani. Grazie a questa realizzazione possiamo avere anche noi l’orgoglio di aver contribuito, nella misura delle nostre forze, a tale felice risveglio.”

Queste parole furono pronunciate da Adriano Olivetti alla cerimonia di inaugurazione dello stabilimento di Pozzuoli il 23 aprile,1955.

In quello stesso complesso industriale, voluto dalla straordinaria ambizione di Olivetti imprenditore e cittadino da cui possiamo imparare ancora molto, ha sede da qualche anno l’Istituto Telethon di Genetica e Medicina (Tigem). Fa piacere pensare che l’istituto stia raccogliendo l’eredità della fabbrica Olivetti portando il proprio contributo in ricerca e innovazione nella biomedicina.

Sono convinta che ci sia il potenziale per fare ancora di più e capitalizzare su questa esperienza per realizzare finalmente quel “felice risveglio” che Olivetti auspicava per il Sud e per tutto il Paese.

A questi temi è stato dedicato l’incontro che si è svolto ieri al Tigem con il Presidente Renzi, il Governatore De Luca e il Rettore Manfredi.

Il Tigem impiega circa 210 ricercatori, molti assunti nel giro dell’ultimo anno e molti stranieri o italiani rientrati dopo prestigiose esperienze all’estero. È stato possibile creare questa forza lavoro perché negli anni l’istituto ha capitalizzato su una base di investimento continuativo garantito da Telethon, a fronte di una stringente valutazione della ricerca proposta, attraendo ingenti finanziamenti dalle principali agenzie internazionali.
Per citare uno degli indicatori di successo spesso utilizzati, a questo centro di ricerca sono andati ben 8 grant dell’European Research Council (Erc) dei 26 assegnati finora in totale a istituti italiani nel campo delle scienze della vita.

Dalla sua fondazione il Tigem ha fatto evolvere la propria attività di ricerca mantenendola sempre all’avanguardia nell’ambito della genetica applicata alla medicina:

pasinelli

Leave a Comment